lunedì 8 dicembre 2014

A Firenze arriva il marketing spirituale per aiutare le aziende a ripartire.

A Firenze arriva il marketing spirituale per aiutare le aziende a ripartire.
Borse di studio e facilitazioni alle start-up e alle imprese in crisi per partecipare al corso.

Il marketing influenza ogni giorno milioni di comportamenti in tutto il mondo ed è una delle discipline più diffuse degli ultimi cinquant’anni. Ormai riguarda ogni tipo di organizzazione ed è adottato da multinazionali e singoli individui. Il marketing è allo stesso tempo origine di sviluppo sociale ed economico ma anche causa di consumismo e scarsa sostenibilità.

Una delle ultime frontiere del marketing si chiama “marketing spirituale” per la sua capacità di impattare sull’essenza dei clienti e sullo spirito della società. Gli esperti lo chiamano anche “marketing 3.0” per indicare la terza grande svolta di paradigma dal dopoguerra. È una evoluzione del marketing tradizionale, quello praticato finora nella maggior parte dei paesi sviluppati, basato soprattutto sulla persuasione, sulla conquista e sulla manipolazione del cliente finale.

Firenze ospiterà a metà dicembre un corso di specializzazione aperto a imprenditori, manager e studenti. In partenza il 13 dicembre, il corso si articolerà in due giornate più alcune ore di Coaching individuali. Per partecipare basta presentare la candidatura a www.marketingcamp.it

Link diretto al corso http://bit.ly/marketing3punto0 

Per evidenziare l’importanza del ruolo sociale di questo corso gli organizzatori offrono borse di studio e facilitazioni a imprese in crisi, start-up, organizzazioni senza scopo di lucro e studenti meritevoli.

Secondo il principale autore Philip Kotler «l'Italia ha dimenticato il marketing». Le aziende italiane, infatti, sono indietro e molte mancano delle conoscenze base per adottare i nuovi paradigmi. La maggior parte dei manager usa ancora modelli arretrati basati sul prodotto o sulla differenziazione. Questo è senza dubbio uno dei principali motivi della lenta ripresa del Bel Paese. Inoltre, le aziende italiane ripongono eccessivo entusiasmo per i Social media, i quali si stanno ormai rivelando un’arma a doppio taglio. Chi si è avvicinato con superficialità alla Rete ne sta già pagando le conseguenze. Facebook, ad esempio, è una grande risorsa solo se l’azienda ha aggiornato il "proprio paradigma di marketing".

La formazione sul “Marketing 3.0” è fondamentale per chi vuole migliorare le performance, la redditività, le relazioni ma anche il benessere e la sostenibilità. Per le richieste di borsa di studio e per altre informazioni telefonare al 0552341325 o scrivere a info@marketingcamp.it

Link diretto al corso http://bit.ly/marketing3punto0 

MarketingCamp è una iniziativa nata da professionisti del settore per aiutare individui e organizzazioni ad adottare i nuovi paradigmi del marketing contemporaneo. Con sogno di trasformare il marketing in una risorsa disponibile per un mondo migliore. Ancora più bello.www.marketingcamp.it

Lorenzo Sciadini
Consulente | Coach ICF
lorenzo@esociety.it

[News] invito per il 23 dicembre alle 21 via Alfani 39rosso Firenze da CAFFELLATTE

Salve

Scrivo raramente come si vede. Ma comunque chiedo scusa per il disturbo.

Martedì 23 alle ore 21 facciamo un incontro di auguri parlando di Bosnia
Erzegovina e raccogliendo qualche euro per un progetto sociale.

L'indirizzo è CAFFELLATTE via Alfani 39rosso Firenze.

Qualche dettaglio nell'allegato.

per ora è tutto.

Grazie comunque per l'attenzione.

claudio gherardini

presidente Società per le Idee

claudiogherardini@societaperleidee.it
http://societaperleidee.blogspot.it

(Questo messaggio le è giunto perché il suo indirizzo non è stato
raccattato in rete ma si trova
da tempo nella rubrica di claudio gherardini con il quale
evidentemente ci sono stati contatti. Se non desidera ricevere
altri messaggi da claudio gherardini e società per le idee invii
una email con oggetto "cancellare" a claudiogherardini@societaperleidee.it.
grazie. Se dovesse riceverne altri ulteriori abbia pazienza e
ripeta la procedura non difficile. Grazie.)


http://about.me/claudio.gherardini
mobile phone: +39 333 9237262
mobile phone Bosnia: +387 62578316
mobile phone Croatia: +385 913901575
uff.:50126 - Firenze - via A. Traversari 75 - Italy
Res.:56041 - Castelnuovo Val di Cecina (PI) - via Verdi 33 - Italy
C.F.: GHRCLD57C03D612R
P.Iva 05968730480
icq: 74274967
skype: claudioghera
claudiogherardini@gmail.com
www.claudiogherardini.it


CONFIDENTIALITY NOTICE: This e-mail message including its attachments,
if any, is intended only for the person or entity to which it is
addressed and may contain confidential and/or privileged material. Any
unauthorized review, use, disclosure or distribution is forbidden. If
you are not the intended recipient, we kindly request you to contact the
sender by reply e-mail and destroy all copies of the original message.
If you are the intended recipient but do not wish to receive
communications through this medium, please so advise the sender immediately.

--
Società per le Idee
Associazione Culturale in Firenze
email: claudiogherardini@societaperleidee.it
fax: +391786081497
sede legale
c/o Studio Basegni
Via Giambologna 37
50132 Firenze (FI)
codice fiscale 94163350484
IBAN IT45 Q050 1802 8000 0000 0125 888
www.societaperleidee.it

domenica 7 dicembre 2014

Qualche soldo per la Bosnia



Raccogliamo qualche soldo da inviare in Bosnia:

Un Vuoto Spazio Temporale – I Balcani, così vicini, così lontani.


Una epoca strana la nostra. L'Europa ha concluso I suoi sessant'anni di pace per I quali ha anche ricevuto il relativo Nobel. Giusto in tempo prima di aver infranto il record. Guerre a non finire ci avevano sterminato a più riprese come hanno fatto senza interruzione in Africa.

Ora ci sono guerre a pochi km da noi ma la cosa non è interessante se non per pochi invasati che prendono le difese dell'aggressore oppure (pochi) dell'aggredito.

In verità una guerra è avvenuta anche negli anni 90 ma è stato un massacro in una periferia verso la quale abbiamo avuto scarso interesse fatta eccesione per la seconda guerra mondiale quando l'esercito italiano ha macellato gli slavi del sud in un modo tale che le SS si lamentarono a Berlino “per questi italiani macellari”.

Eppure a poche ore da casa nostra ancora soffrono di un dopoguerra infinito e di una miseria alimentare ma anche culturale, sociale e civica che non potrà che autoalimentarsi se l'Europa non prenderà decisioni drastiche il che è molto improbabile.

Se da Trieste è più vicina Kiev di Palermo, da Firenze potete arrivare per l'ora del the a Prijedor e poi a Ljubija. E qui vi chiediamo di aiutarci.

La resistenza di una casa può essere minata dallo sbriciolarsi di un sostegno e la resistenza di una comunità può finire sbriciolata da un “vuoto” sociale, culturale, assistenziale o semplicemente alimentare.

Ljubija è divenuta da almeno un decennio una specie di deposito di disperati di varia provenienza e in mezzo a  Ljubija ci sta un piccolo centro sociale per i ragazzini che non solo non hanno cosa fare durante il tempo libero ma è anche meglio in molti casi che non restino a casa se non per la notte.

La Bosnia Erzegovina è ormai fuori dalla memoria e le fonti di sostentamento di questo centro si sono esaurite.

Per questo vorremmo istituire un piccolo flusso di denaro continuo in modo da poter pagare luce e connessione e poi vedremo come andare avanti.

Vi chiediamo un contributo anche di soli 5 euro ma continuativo.  Scrivetemi a claudiogherardini@gmail.com.

Claudio gherardini
Presidente Società per le Idee
Firenze